Marche 1500. Tra protoclassicismo ed eccentrici al tempo di Perugino e Raffaello

Summer School a cura di Anna Maria Ambrosini Massari e Andrea De Marchi
Pesaro, Matelica
2-9 luglio 2016
 
Promossa da Fondazione Federico Zeri
con il patrocinio di Regione Marche, Comune di Matelica, Comune di Pesaro
  
Il corso Marche 1500. Tra protoclassicismo ed eccentrici al tempo di Perugino e di Raffaello costituisce il primo appuntamento di un ciclo di Summer School residenziali nelle Marche, a cadenza annuale, promosse dalla Fondazione.
Le Summer School hanno l’intento di approfondire temi legati alla storia dell’arte marchigiana e valorizzare emergenze artistiche presenti sul territorio regionale, tanto caro agli studi di Zeri, per rendere sempre vivo e operante il suo insegnamento. I programmi prevedono lezioni frontali integrate da visite a monumenti, musei, centri urbani in stretta collaborazione con le istituzioni locali.
 

Programma
 
La genesi della Maniera moderna ha radici importanti fra Umbria e Marche, nel tumultuoso periodo di passaggio fra Quattro e Cinquecento, che vide l’affermarsi del giovane Raffaello tra le maglie del protoclassicismo imperante, interpretato al massimo da Perugino, ma pure da Pinturicchio e Signorelli. Una panoramica estesa alla scultura e all’architettura coeva vuole essere l’occasione per proporre letture nuove e verifiche in situ, con l’accompagnamento di docenti di prim’ordine, e così conoscere meglio quel vitale periodo di transizione che Luigi Lanzi definiva “antico-moderno”, con un ampio raggio che dalle Marche si allarga verso l’Umbria, la Romagna, l’Abruzzo. Rimanendo a margine delle due capitali, Perugia e Urbino, si vogliono proporre itinerari meno noti per scoprire la ricchezza straordinaria di una produzione che fu assai ramificata e che meglio si apprezza nei contesti monumentali di origine.
Il tema di questa Summer School è strettamente affine al corso Girolamo Genga: una via obliqua alla Maniera moderna (Bologna, Pesaro, 30 giugno-2 luglio 2016) che ne costituisce un ideale complemento.
 
   
sabato 2 luglio | Pesaro, Villa Imperiale
 
13.00 Pranzo di benvenuto
 
14.30 Visita a Villa Imperiale
 
domenica 3 luglio
 
Visite a Fano: Museo Civico, chiesa di Santa Maria Nuova; Senigallia: chiesa di Santa Maria delle Grazie; Loreto: santuario della Santa Casa, Museo Antico Tesoro Santa Casa
Accompagnano Anna Maria Ambrosini Massari, Bonita Cleri, Andrea De Marchi
 
lunedì 4 luglio | Matelica, Palazzo Ottoni
 
Tra protoclassicismo ed eredità urbinate: da Luca Signorelli a Giovanni Santi
 
9.30-13.00
 
Andrea De Marchi, Università di Firenze
La formazione di Perugino tra Verrocchio e Urbino, l’elaborazione di un nuovo linguaggio da Perugia a Roma
 
Cecilia Martelli, Syracuse University, Firenze
Bartolomeo della Gatta fra Toscana e Marche
 
Tom Henry, direttore University of Kent, Roma
Signorelli fra Umbria e Marche
 
Daniele Benati, Università di Bologna
L’eredità di Melozzo fra Marche e Romagna
 
14.30
 
Alessandro Marchi, Polo Museale dell’Emilia-Romagna
Riflessioni sulla bottega di Giovanni Santi
 
Alessandro Delpriori, Università di Firenze
La mostra su Lorenzo de Carris
 
17.00
 
Visita alla mostra Lorenzo de Carris e la pittura eccentrica nelle Marche all’inizio del Cinquecento, guidata da Alessandro Delpriori, Matteo Mazzalupi
 
martedì 5 luglio
 
Visite a Genga: chiesa di Santa Maria Assunta, Museo di Arte sacra del Castello; Arcevia: collegiata di San Medardo; Cagli: chiese di San Domenico (cappella Tiranni), Sant’Angelo e San Francesco, Palazzo Preziosi Brancaleoni; Montefiorentino: convento di San Francesco (cappella Oliva)
Accompagnano Tom Henry, Alessandro Marchi, Cecilia Martelli
 
mercoledì 6 luglio | Matelica, Palazzo Ottoni
 
La maniera umbra e la scultura: da Pinturicchio a Raffaello, da Ambrogio Barocci a Sansovino
 
9.30-13.00
 
Francesco Federico Mancini, Università di Perugia
L’eredità di Perugino fra Umbria e Marche
 
Maria Rita Silvestrelli, Università per stranieri di Perugia
L’eredità di Pinturicchio fra Umbria e Marche
 
Daniele Simonelli, Università di Firenze
L'eredità artistica di Luca Signorelli e la diffusione del raffaellismo romano in Umbria
 
Matteo Ceriana, direttore Galleria Palatina, Firenze
Architettura e scultura fra Marche e Umbria, da Ambrogio Barocci a Rocco da Vicenza
 
14.30
 
Matteo Mazzalupi, Università di Firenze
Lucantonio Barberetti e la scultura lignea a Camerino fra XV e XVI secolo
 
Gabriele Fattorini, Università di Messina
Andrea Sansovino a Loreto
 
17.00
 
Visita a Matelica: chiese e Museo Piersanti
 
giovedì 7 luglio
 
Visite a Spello: chiesa di Santa Maria Maggiore (cappella Baglioni); Trevi: chiesa della Madonna delle Lacrime; Spoleto: Duomo (cappella Eroli), Palazzo Racani, chiesa di Sant’Ansano; Arrone: chiesa di Santa Maria Assunta; Visso: collegiata di Santa Maria; Camerino: chiesa di San Venanzio, ex chiesa dell’Annunziata, cortile del Palazzo Ducale
Accompagnano Matteo Ceriana, Matteo Mazzalupi, Maria Rita Silvestrelli,Daniele Simonelli
 
venerdì 8 luglio | Matelica, Palazzo Ottoni
 
Eccentrici e raffaelleschi eterodossi: verso Cola dell’Amatrice
 
9.30-13.00
 
Anna Maria Ambrosini Massari, Università di Urbino
Percorsi irregolari fra Umbria e Marche: Girolamo Genga, Cola dell’Amatrice e altri
 
Michele Maccherini, Università dell’Aquila
Appunti sull’ambiente aquilano del primo Cinquecento
 
Luca Pezzuto, Università dell’Aquila
Cola dell'Amatrice «Alumnus artis Apelleae». La formazione culturale, Roma e il suo taccuino di disegni
 
Tavola rotonda con i curatori del corso Girolamo Genga: una via obliqua alla Maniera moderna
e della Summer School
 
14.30
 
Visite a Cingoli: monastero di Santa Sperandia, chiesa di San Domenico, collegiata di Sant’Esuperanzio; Osimo: santuario di San Giuseppe da Copertino, Battistero
Accompagna Andrea Di Lorenzo
 
sabato 9 luglio
 
Visite a Fermo: chiesa di Santa Maria del Carmine, Pinacoteca Civica; Ascoli Piceno: Duomo, Palazzo dei capitani del popolo, Pinacoteca Comunale, Museo Diocesano,
chiesa di San Francesco, Loggia dei Mercanti, chiesa di Sant’Agostino, refettorio ex convento della Santissima Annunziata
Accompagnano Alessandro Marchi, Luca Pezzuto, Emanuele Zappasodi
 
 
La Fondazione Federico Zeri ringrazia il conte Clemente Castelbarco Albani per la generosa ospitalità a Villa Imperiale.
L'organizzazione della Summer School è stata possibile grazie al contributo di Eden ViaggiGoBid casa d'asta onlineHalley InformaticaXanitalia.
 
 
Sedi del corso
Pesaro, Villa Imperiale
Matelica, Palazzo Ottoni, piazza Enrico Mattei