Mecenati per Ghirlandaio è lo speciale progetto di catalogazione scientifica, studio e valorizzazione online dedicato al nucleo fotografico su Domenico Ghirlandaio della Fototeca Fahy.
Questa raccolta di immagini costituisce un'eccellenza assoluta nella fototeca dello studioso americano Everett Fahy (1941-2018). Sono oltre 1.500 fotografie che verranno digitalizzate e catalogate integralmente grazie al generoso contributo di Emanuela e Silvano Merlatti e saranno disponibili nella banca dati online della Fondazione Zeri a partire dal 2022.

 

Il valore della raccolta

Fin dai suoi primi anni di formazione presso la University of Virginia, dove appena ventenne ebbe modo di conoscere il suo mentore John Pope Hennesy, Everett Fahy indirizzò le sue ricerche sulla pittura toscana del Rinascimento. Tra gli artisti maggiormente indagati nel corso della sua carriera vi fu Domenico Ghirlandaio (1448-1494), protagonista indiscusso nella Firenze di Lorenzo il Magnifico e a capo di una delle botteghe più numerose e prolifiche del tempo.

Fahy approfondì più volte in sede critica questo specifico contesto artistico: la sua tesi di dottorato, ad esempio, discussa ad Harvard nel 1968 e pubblicata dopo un attento lavoro di revisione nel 1976 con il titolo Some followers of Domenico Ghirlandaio, affronta il catalogo di opere di oltre venti pittori che si formarono all’ombra del grande maestro fiorentino. Questo testo, a distanza di oltre cinquant’anni, risulta ancora oggi di basilare importanza per la conoscenza della cultura figurativa toscana del Quattro e Cinquecento, e nonostante non presenti affondi puntuali sulla figura del Ghirlandaio, esso risulta ugualmente utile nella messa a fuoco del suo percorso stilistico: come specificato nella prefazione, infatti, «only trough a clear understanding of admittedly second – or even third-rate painters – it is possible to arrive at a clear conception of the truly great masters».
Negli anni successivi Fahy pubblica numerosi e importanti articoli monografici sul pittore (tra tutti, Michelangelo and Domenico Ghirlandaio, in Studies in late medieval and Renaissance painting in honor of Milliard Meiss, I, New York 1977, e Ghirlandaio copyng Memling, in Invisibile agli occhi, Firenze 2007), accompagnati da un costante lavoro sul materiale fotografico contenuto nella propria fototeca.

Il repertorio fotografico su Domenico Ghirlandaio conservato nell'archivio Fahy è di straordinaria vastità: ben diciannove raccoglitori contengono le oltre 1.500 fotografie che documentano il corpus del pittore, suddivise in diversi fascicoli secondo un ordine topografico.
I nuclei più consistenti della sezione sono costituiti dalle fotografie relative ai grandi cicli d’affresco fiorentini licenziati tra gli anni Ottanta e Novanta del Quattrocento come la Cappella Tornabuoni in Santa Maria Novella (326 fotografie), la Cappella Sassetti in Santa Trinita (159), la Sala dei Gigli in Palazzo Vecchio (55), di cui lo studioso, grazie ad un costante rapporto epistolare con la Soprintendenza locale, possedeva una ricca e accurata documentazione iconografica.
Si segnalano inoltre le buste inerenti alla produzione grafica di Ghirlandaio (120 fotografie), che peraltro contengono un grande numero di appunti personali e informazioni inedite particolarmente rilevanti per gli studi.

Accanto al materiale fotografico sono conservati dossier ricchi di annotazioni, fotocopie e trascrizioni di documenti antichi che avrebbero dovuto costituire il tessuto connettivo di una monografia su Ghirlandaio: lo studioso aveva infatti cominciato a lavorarvi fin dai primi anni Novanta del Novecento, ma purtroppo essa è rimasta in stato di abbozzo. Di questo progetto rimangono solamente alcuni capitoli e una parte di apparato fotografico, già suddiviso in diverse buste e corredato da didascalie, che fanno ugualmente intuire la monumentale struttura dell’opera che lo studioso aveva previsto per quella che sarebbe stata la sua più grande impresa editoriale.

 

I mecenati 

Silvano Merlatti è un appassionato collezionista di arte contemporanea italiana e uno degli imprenditori italiani di maggior successo a Melbourne e in Australia dove, nel 2017, ha ricevuto il titolo di Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana.
Nato a Savigliano, in provincia di Cuneo, ha lavorato a lungo per la Banca Commerciale Italiana prima di trasferirsi alla Fila a Hong Kong, dove, anni più tardi, ha acquistato la licenza del marchio d'abbigliamento sportivo per l'Australia.

L'amore per l'arte gli è stato trasmesso da Alessandro Longhi, zio di sua moglie Emanuela, visitando i luoghi d'arte della Lombardia.
Da qui l'inizio di una passione per la pittura che prima lo ha portato a collezionare, durante i 12 anni di permanenza ad Hong Kong, l'arte contemporanea del Sud Est asiatico, birmana e cinese, per poi approdare, grazie all'amico e gallerista Matteo Mapelli, a quella Italiana.
Tale attività è sfociata nel 2016 in una mostra presso l'Istituto Italiano di Cultura di Melbourne con il patrocinio del Consolato Italiano a Melbourne, dove è stata esposta una parte della sua collezione privata: Collezione Farnesina - Collezione Merlatti, Selected Works.

Negli anni il Cavalier Merlatti ha approfondito con estrema attenzione la figura e gli studi di Federico Zeri di cui è debitore per la profondità e allo stesso tempo lo stile immediato dei suoi scritti che ha letto integralmente. Altri studiosi importanti per la sua formazione sono stati, Berenson, Clark e Chastel.

Con immenso piacere, dal 2021 sostiene la Fondazione Federico Zeri.