di Everett Fahy

Cover Fahy L350Everett Fahy (Darby, PA., 1941 – Davis, CA., 2018), storico dell’arte e studioso del Rinascimento italiano fra i più acuti della sua generazione, è stato direttore della Frick Collection di New York (1973-1986), successivamente Chief Curator del Department of European Paintings del Metropolitan Museum (1986-2009).

I suoi scritti, ancora oggi di grande valore per gli studi sulla pittura toscana dalla fine del Trecento agli inizi del Cinquecento, sono apparsi negli anni su riviste o pubblicazioni talvolta difficilmente accessibili.
L’ampia selezione proposta in questi due volumi dalla Fondazione Federico Zeri – che nel 2017 ha ricevuto in dono la straordinaria fototeca dello studioso americano - li rende consultabili pressoché nella loro completezza e dà conto dell’importanza del suo lavoro di conoscitore. Un lavoro di cinquant’anni, che si apre col saggio su Piero di Cosimo del 1965 e si chiude coi contributi per la mostra fiorentina dedicata nel 2015 allo stesso pittore.

Fra questi due estremi, Fahy ha approfondito le ricerche su artisti assai noti e amati dalla critica, da Beato Angelico a Botticelli, da Ghirlandaio fino a Michelangelo giovane; su personalità meno conosciute come Lorenzo di Nicolò, Spinello Aretino, il Maestro delle tavole Campana, il Maestro dell’Epifania di Fiesole; su scuole, come quella lucchese, la cui riscoperta si deve ai suoi studi pionieristici. 
La ricostruzione della giovinezza di Fra Bartolomeo è stata oggetto di alcuni articoli da annoverare fra i classici della storiografia artistica.

Innumerevoli sono gli spunti per tratteggiare un panorama mai banale, vivo e frastagliato, dell’intera pittura toscana del Rinascimento, in cui i grandissimi si spiegano meglio di contro al tessuto dei comprimari.

Nel primo volume sono stati ordinati i testi secondo l’epoca della loro pubblicazione, per rispecchiare l’evoluzione del pensiero e dello stile dell’autore. 
Nel secondo volume le immagini sono presentate come un atlante unitario e, seguendo un filo diacronico, ricostruiscono visivamente quasi due secoli di pittura toscana.

 

Everett Fahy, Studi sulla pittura toscana del Rinascimento
Studies in Tuscan Renaissance Painting
Scritti scelti a cura di Andrea De Marchi, Elisabetta Sambo

2 volumi: vol I, 580 pp. e 57 tavole a colori; vol II, 478 immagini b/n
Formato: 21x26 cm; cartonato con sovraccoperta
Anno di pubblicazione: 2020
Coedizione: Fondazione Federico Zeri | Officina Libraria
ISBN: 978-88-944892-1-7 | 9788836647576
Prezzo: 90 euro

Stampato con il contributo di: Benappi Fine Art, Bruno Botticelli, Fausto Calderai, Maurizio Canesso, Giancarlo Ciaroni, Alessandra Di Castro, Moretti Fine Art, Carlo Orsi, Andreas Pittas, Matteo Salamon, Simonpietro Salini, Giovanni e Claire Sarti.

 

Sommario


Presentazione
Andrea Bacchi, Elisabetta Sambo

 “Maestro dall’occhio vispo”: curiosità insaziabile, generosità e passione nel metodo di un conoscitore anomalo
Andrea De Marchi

Scritti scelti di Everett Fahy:

Some Later Works of Piero di Cosimo (1965)

A Lucchese Follower of Filippino Lippi (1965)

Some Notes on the Stratonice Master (1966)

The Beginnings of Fra Bartolomeo (1966)

Some Early Italian Pictures in the Gambier-Parry Collection (1967)

The ‘Master of the Naumburg Madonna’ (1968)

The ‘Master of Apollo and Daphne’ (1968)

The Earliest Works of Fra Bartolomeo (1969)

A Tondo by Sandro Botticelli (1969)

Bartolomeo di Giovanni Reconsidered (1973)

An Altarpiece by Cosimo Rosselli (1973)

A Holy Family by Fra Bartolomeo (1974)

[Early Italian Paintings at Yale and in the Kress Collection: Review] (1974)

Les cadres d’origine de retables florentins du Louvre (1976)

Michelangelo and Domenico Ghirlandaio (1977)

Italian Painting before 1500 [in the Fogg Art Museum] (1978)

A Madonna by Spinello Aretino (1978)

On Lorenzo di Niccolò (1978)

Babbott’s Choices (1982)

The Tornabuoni-Albizzi Panels (1984)

A Predella Panel by Neri di Bicci (1985)

[From The Martello Collection: Catalogue Entry] (1985)

The Kimbell Fra Angelico (1987)

[L. Pagnotta, Giuliano Bugiardini, 1987: Review] (1988)

The Medici Aesop: Introduction (1989)

The Argonaut Master (1989)

The Ruskin Madonna ([1976]-1990)

La Madonna Van Gelder del Maestro di Stratonice (1990)

[Da Il giardino di San Marco: schede] (1992)

Morelli and Botticelli (1993)

Florence, Palazzo Strozzi. Late Fifteenth-Century Florentine Painting [Review] (1993)

Florence and Naples: A Cassone Panel in the Metropolitan Museum of Art (1994)

Two Suggestions for Verrocchio (1994)

Arte e società del Quattrocento nell’opera di Domenico Ghirlandaio (1994)

[Da Fra’ Bartolomeo e la scuola di San Marco: saggio e schede] (1996)

[Da Sumptuosa tabula picta: schede] (1998)

[Da Omaggio a Beato Angelico: scheda] (2001)

The Este Predella Panels and Other Works by the Master of the Fiesole Epiphany (2001-2002)

[Da Due collezionisti alla scoperta dell’Italia: scheda] (2002)

[Da Matteo Civitali e il suo tempo: schede] (2004)

Early Italian Paintings in Washington and Philadelphia [Review] (2006)

[Da Capolavori da scoprire: scheda] (2006)

Ghirlandaio Copying Memling (2007)

The Master of the Richardson Tabernacle (2008)

The Marriage Portrait in the Renaissance, or Some Women Named Ginevra (2008)

[Da Firenze e gli antichi Paesi Bassi: schede] (2008)

An Overlooked Michelangelo? (2009)

[Da Botticelli nelle collezioni lombarde: scheda] (2010)

[From Old Master Paintings 2010: Catalogue Entry] (2010)

[From The Bernard and Mary Berenson Collection: Essay and Catalogue Entry] (2015)

[Da Piero di Cosimo: schede] (2015)

Bibliografia di Everett Fahy, 1961-2015

Bibliografia citata

Indice dei nomi, dei luoghi e delle opere

 

Sostieni la catalogazione della Fototeca Fahy con una donazione:

 La Fototeca Fahy, costituita da circa 40.000 fotografie e moltissimi documenti, è al centro di un progetto di valorizzazione che prevede la catalogazione e digitalizzazione del nucleo più significativo dedicato alla pittura del secondo Quattrocento fiorentino.

IBAN  IT09I0306902477100000004222;  BIC  BCITITMM
ART BONUS:  "Art Bonus D.L. 83/2014  per interventi di sostegno alle attività della Fondazione Federico Zeri – Nome e Cognome"